Skip to main content

TNBC: epidemiologia, novità terapeutiche, ruolo del chirurgo e multidisciplinarietà

Intervista a Oreste Gentilini By 20 Settembre 2023Novembre 27th, 2023No Comments
Temi

Rispetto a un recente passato, aumentare l’aspettativa ma anche la qualità della vita per le pazienti con TNBC risulta oggi una sfida possibile grazie a importanti novità terapeutiche e a un’organizzazione sempre più puntuale delle Breast Unit. Qual è il percorso terapeutico ottimale per la paziente con tumore della mammella in generale e in particolare con tumore della mammella triplo negativo? E in questo percorso quali sono io rispettivi ruoli di chirurgo, oncologo e radiologo?

Affrontano il tema in una conversazione a tre Oreste Gentilini (Direttore UO Chirurgia della Mammella, Coordinatore Breast Unit IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano), Giampaolo Bianchini (Responsabile Unità Tumori della Mammella – UO Medicina Oncologica IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano) e Pietro Panizza (Responsabile Unità di Radiologia Senologica IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano), che ci illustrano l’importanza della ricerca, dell’organizzazione e soprattutto della multidisciplinarietà.

 

Perché è opportuno e necessario un approccio multidisciplinare alla presa in carico del carcinoma della mammella triplo negativo? Quali sono il ruolo e la responsabilità del chirurgo all’interno del team multidisciplinare? Approfondimento di Oreste Gentilini (Direttore UO Chirurgia della Mammella, Coordinatore Breast Unit IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano).

 

L’avvento dell’immunoterapia ha dato vita a un nuovo paradigma di trattamento nel tumore della mammella triplo negativo.

 

Il tumore della mammella triplo negativo (TNBC) rappresenta il 10-15% dei casi e ha caratteristiche peculiari. Analizziamo i dati epidemiologici, quelli sulla sopravvivenza e le opzioni terapeutiche disponibili.