Skip to main content

Screening PSA, i nuovi dati britannici aumentano le perplessità

A cura di David Frati By 8 Maggio 2024No Comments
Temi

In un’analisi secondaria dello studio clinico randomizzato Cluster Randomized Trial of PSA Testing for Prostate Cancer (CAP) pubblicata sulla rivista JAMA, un singolo invito allo screening del PSA rispetto alla pratica standard senza screening di routine ha mostrato di ridurre i decessi per tumore della prostata a un follow-up mediano di 15 anni. Tuttavia, la riduzione assoluta dei decessi è stata davvero modesta, pari allo 0,09% in 15 anni.

L’obiettivo dello screening del PSA è quello di ridurre la mortalità per cancro alla prostata attraverso la diagnosi precoce di tumori curabili. Tuttavia, permangono molte incertezze sull’effetto a lungo termine dello screening basato sul PSA sulla mortalità.
Un team internazionale di ricercatori coordinato da Richard M. Martin (Department of Population Health Sciences, Bristol Medical School, University of Bristol) ha preso in esame i dati del Cluster Randomized Trial of PSA Testing for Prostate Cancer (CAP), che ha coinvolto 415.357 uomini tra i 50 e i 69 anni seguiti da 573 ambulatori in Inghilterra e Galles tra 2002 e 2009, con follow-up completato nel marzo 2021. Rispetto allo standard of care (nessun intervento), un singolo invito a sottoporsi al test del PSA ha portato a una riduzione assoluta della mortalità per tumore della prostata dello 0,09% dopo un follow-up mediano di 15 anni.

L’entità dell’effetto si è quindi rilevata molto modesta. Non c’è stato alcun effetto sulla sopravvivenza globale. I policymaker che stanno valutando di attivare o intensificare campagne di screening di massa per il cancro alla prostata dovrebbero considerare questa piccola riduzione dei decessi rispetto ai potenziali effetti negativi associati. I potenziali danni derivanti dal test del PSA includono la sovradiagnosi, le complicazioni della biopsia, gli effetti negativi del trattamento oncologico sulla funzione urinaria, sessuale e intestinale e la possibilità di mancare la diagnosi un tumore alla prostata aggressivo.