Skip to main content

Carcinoma mammario BRCA+: test, chirurgia e scelte terapeutiche

Intervista a Laura Cortesi, Michelino De Laurentiis, Corrado Tinterri, Alberto Zambelli By 14 Dicembre 2023Dicembre 18th, 2023No Comments
Temi

Le prospettive di cura per le donne affette da carcinoma mammario BRCA-mutato stanno avendo una svolta significativa grazie all’approvazione da parte dell’Aifa della rimborsabilità di una terapia mirata con olaparib. Questa approvazione segue quella della Commissione Europea del 2022, basata sui risultati positivi dello studio di fase III Olympia, pubblicato sul NEJM.

La terapia con olaparib è destinata alle pazienti adulte con carcinoma della mammella allo stadio iniziale ad alto rischio, Her2-negativo, che presentano mutazioni BRCA. In particolare, è indicata per pazienti precedentemente trattate con chemioterapia neoadiuvante o adiuvante, offrendo una nuova opzione terapeutica in adiuvante successiva all’intervento chirurgico.

Gli studi hanno dimostrato che l’olaparib può portare a un significativo miglioramento nella sopravvivenza libera da malattia invasiva, riducendo il rischio di recidiva del 42%.

Con Laura Cortesi (SS Genetica Oncologica, AOU Policlinico di Modena) abbiamo fatto il punto sui test BRCA, ripercorrendone la storia e illustrandone le potenzialità attuali rispetto al setting adiuvante nel carcinoma mammario BRCA+.

 

Michelino De Laurentiis (Direttore UOC Oncologia Medica Senologica – INT IRCCS Fondazione “Pascale”, Napoli) si sofferma sulla novità per l’algoritmo terapeutico rappresentato dall’utilizzo di olaparib nelle pazienti selezionate e sui vantaggi in termini di rischio di recidiva e di soparvvivenza.

 

A Corrado Tinterri (Humanitas University e IRCCS Humanitas Research Hospital, Rozzano) abbiamo chiesto qual è il ruolo del chirurgo nel contesto multidisciplinare del trattamento adiuvante e che influenza hanno le mutazioni BRCA sulle scelte chirurgiche.

 

Infine Alberto Zambelli (Professore associato Oncologia Humanitas University, IRCCS Humanitas Research Hospital, Rozzano) ha illustrato il tema dei criteri di eleggibilità sulla base dello studio di fase III Olympia.