Skip to main content

La Regione Toscana ha istituito un Molecolar Tumor Board

By 1 Aprile 2020Giugno 3rd, 2021No Comments
Speciali

La Giunta Regionale della Toscana, con Delibera N 271 del 02-03-2020 ha istituito un Molecolar Tumor Board (MTB), prevedendo che ne facciano parte:
◦Il Direttore generale di ISPRO o suo delegato,
◦Il Coordinatore scientifico di ISPRO o suo delegato,
◦Il Responsabile del Registro Toscano Tumori,
◦Il Responsabile del Laboratorio MeS della scuola superiore Sant’Anna di Pisa,
◦I tre componenti appartenenti al servizio sanitario regionale nominati nel Comitato Scientifico di ISPRO di cui all’art. 9 della LR 74/2017,
◦Il Presidente dellla Commisione regionale di Bioetica o suo delegato,
◦Un Responsabile di struttura di Anatomia Patologica per ciascuna delle Aziende sanitarie territoriali della regione Toscana e delle Ospedaliero-Universitarie Careggi, Senese e Pisana, individuato dal Direttore generale dell’Azienda di appartenenza,
◦Il Direttore del Centro Regionale di Oncoematologia Pediatrica (CROP), di cui alla DGR 419/2015,
◦Il Direttore dell’Unità Supporto alle Politiche del Farmaco Regionali di ESTAR,
◦Un farmacologo con specifiche competenze sul tema, individuato dal Direttore Generale di ISPRO,
◦I Dirigenti responsabili dei settori regionali competenti in materia di Farmaceutica, di Reti Cliniche e di Tariffazione delle prestazioni sanitarie o loro delegati.

SCARICA la DELIBERA N 271 del 02-03-2020

La delibera prevede che il Molecolar Tumor Board, istituito presso ISPRO e coordinato dal Coordinatore scientifico di ISPRO, abbia fra i propri compiti, nelle materie di competenza:
a) per quanto riguarda gli aspetti di governance, la definizione di indicazioni in materia di:
◦criteri di selezione dei pazienti,
◦test da eseguire (repertorio regionale dei test),
◦criteri per l’individuazione dei laboratori accreditati,
◦criteri per la definizione delle tariffe,
◦analisi e valutazione dei casi sottoposti o da sottoporre ai test con report mutazionale (con eventuale coinvolgimento di ulteriori specialisti qualora i casi da analizzare lo richiedano);
b) per quanto riguarda gli aspetti clinici:
◦valutazione casi indirizzati dai Gruppi Oncologici Multidisciplinari (GOM) di cui alla DGR n.
32/2019,
◦funzioni di second opinion,
◦monitoraggio su casistica regionale,
◦audit su esperienze cliniche;
c) funzioni di supporto alla Direzione regionale e all’Assessorato competenti in materia di salute per gli aspetti relativi alla comunicazione istituzionale nonché nella definizione di specifici percorsi formativi.