Skip to main content

Dato-DXd nel tumore della mammella metastatico HR+/HER2-, ecco i dati sulla safety

A cura di David Frati By 21 Maggio 2024No Comments
Senza categoria

I dati di sicurezza dello studio TROPION-Breast01 hanno dimostrato che datopotamab deruxtecan (Dato-DXd) ha un profilo favorevole per quanto riguarda gli eventi avversi correlati al trattamento rispetto alla chemioterapia. Se ne è discusso all’ESMO Breast Cancer 2024 di Berlino.

Gli eventi avversi correlati al trattamento (TRAE) di grado ≥3 sono stati meno comuni con l’antibody-drug conjugate (ADC) datopotamab deruxtecan (Dato-DXd) rispetto alla chemioterapia scelta dallo sperimentatore (21% contro 45%) in 711 pazienti con carcinoma mammario inoperabile o metastatico precedentemente trattato, positivo al recettore ormonale (HR+)/HER2-negativo (HER2-). Al cut-off dei dati di luglio 2023, la durata mediana del trattamento era più lunga con Dato-DXd rispetto alla chemioterapia (6,7 mesi contro 4,1 mesi).

Date le preoccupazioni relative agli eventi avversi di Dato-DXd, tra cui la stomatite/mucosite orale e la tossicità oculare, è stato finora fortemente raccomandato l’uso quotidiano di un collutorio contenente steroidi e la valutazione oftalmologica è stata resa obbligatoria come requisito normativo allo screening e ogni tre cicli di 21 giorni. La stomatite/mucosite orale (56%) e gli eventi relativi alla superficie oculare (40%) nel TROPION-Breast01 sono stati generalmente di basso grado (grado 1 nel 25% e 32% di tutti i pazienti Dato-DXd, rispettivamente). La malattia polmonare interstiziale (ILD) giudicata correlata al farmaco – un altro evento avverso di particolare interesse – è stata riportata nel 3% dei pazienti che hanno ricevuto Dato-DXd ed è stata principalmente di basso grado. Gli eventi avversi di particolare interesse si sono generalmente verificati nei primi cicli di Dato-DXd, con l’insorgenza mediana di stomatite/mucosite orale al ciclo 2, di eventi della superficie oculare al ciclo 3 e di ILD al ciclo 4. I corrispondenti tempi mediani di risoluzione sono stati di circa due settimane. I corrispondenti tempi mediani di risoluzione sono stati rispettivamente di 37, 67 e 28 giorni. La stomatite/mucosite orale mediata da Dato-DXd e la tossicità della superficie oculare sono state ben gestite con le linee guida per la gestione della tossicità, con conseguenti interruzioni della dose non comuni (1% e 3%, rispettivamente) e sospensioni (0,3% ciascuna). Per quanto riguarda la chemioterapia, la neutropenia di alto grado (grado ≥3 nel 31%) è stata spesso associata a interruzioni della dose (17%) e riduzioni (13%).

Gli ADC stanno cambiando il panorama del trattamento del tumore della mammella. Questi ulteriori risultati sulla sicurezza dello studio di fase III TROPION-Breast01 supportano ulteriormente i risultati primari – presentati al Congresso ESMO 2023 (Ann Oncol. 2023;34:Suppl.2;S1264-S1265) – che hanno mostrato i significativi benefici in termini di sopravvivenza libera da progressione di Dato-DXd rispetto alla chemioterapia. Si attendono ora con ansia i risultati di sopravvivenza globale.

Jhaveri K et al. Datopotamab deruxtecan (Dato-DXd) vs chemotherapy (CT) in pretreated, inoperable/metastatic HR+/HER2– breast cancer (BC): Additional safety analysis from TROPION-Breast01. ESMO Breast Cancer 2024, LBA2.