Skip to main content

TEV, edoxaban prima scelta anche nei pazienti ad alto rischio

By 31 Luglio 2018Maggio 12th, 2021No Comments
NewsTemi

Le linee guida raccomandano l’utilizzo degli anticoagulanti orali diretti (DOAC) per il trattamento del tromboembolismo venoso (TEV) in quanto associati a livelli più elevati di sicurezza e a protocolli terapeutici più maneggevoli (1). Ciononostante, alcuni medici sono riluttanti nel prescrivere i DOAC ai pazienti in età avanzata, con comorbilità multiple e politrattati. Ora però una sottoanalisi dell’Hokusai VTE trial ha dimostrato che il trattamento con il DOAC edoxaban risulta più efficace e sicuro – anche in questa categoria di pazienti – di quello con warfarin (2).

I ricercatori hanno valutato i tassi di recidiva di TEV e sanguinamenti clinicamente rilevanti in gruppi di soggetti caratterizzati da diversa età (< 65 anni, tra i 65 e i 75 anni, ≥ 75 anni; < 80 anni vs. ≥ 80 anni), numero di comorbidità (0, 1-2, >2) e di terapie concomitanti (< 3, 3-5, >5). Dai risultati è emerso che il tasso di recidiva di TEV aumenta progressivamente all’aumentare di età, numero di comorbidità e terapie concomitanti, ma solo nei pazienti trattati con warfarin, non nei pazienti trattati con edoxaban. In particolare, edoxaban si è dimostrato più efficace rispetto a warfarin nei pazienti di età superiore ai 75 anni e in quelli con comorbidità multiple. Tra i 517 pazienti con più di 80 anni, poi, la probabilità di TEV ricorrenti è risultata del 2,8% nel gruppo sottoposto a edoxaban e di 5,7% in quello sottoposto a warfarin (HR 0,51; I.C. 95% 0,21 – 1,24). Risultati simili sono poi emersi in termini di sicurezza, con un numero crescente di emorragie nei soggetti più a rischio di entrambi i gruppi, ma sempre minore nel braccio edoxaban rispetto a quello warfarin.

I risultati dello studio Hokusai VTE, in linea con quelli provenienti da studi precedenti (3,4), dimostrano che i pazienti in età avanzata, con comorbilità multiple e politrattati costituiscono una popolazione ad alto rischio, con un tasso di emorragie quasi doppio. I dati di questa sottoanalisi dovrebbero assicurare i clinici che edoxaban è almeno altrettanto efficace e sicuro del warfarin nel trattamento dei pazienti ad alto rischio con TEV, definiti come pazienti più anziani, con più comorbidità e politrattati. 

▼ 1. Kearon C, Akl EA, Ornelas A, et al. Antihrombotic therapy for VTE disease: CHEST guideline and expert panel report. Chest 2016; 149(2): 315 – 352.
2. Vanassche T, Verhamme P, Wells PS, et al. Impacy of age, comorbidity, and polypharmacy on the efficacy and safety of edoxaban for the treatment of venous thromboembolism: An analysis of the randomized, double-blind Hokusai-VTE trial. Thrombosis Research 2018; 162: 7 – 14.
3. Engbers MJ, van Hylckama Vlieg A, Rosendaal FR. Venous thrombosis in the elderly: incidence, risk factors and risk groups, Journal of Thrombosis and Haemostasis 2010; 8(10): 2105 – 2112.
4. Faller N, Limacher A, Mean M, et al. Predictors and Causes of Long-Term Mortality in Elderly Patients with Acute Venous Thromboembolism: A Prospective Cohort Study. American Journal of Medicine 2017; 130(2): 198 – 206.