Skip to main content

Dal Belgio un’idea per l’autoesame del seno per le donne più giovani

Luciano De Fiore By 19 Ottobre 2021No Comments
News

Viene dal Belgio una nuova iniziativa volta a promuovere l’autopalpazione del seno, a vantaggio soprattutto delle più giovani. Secondo Pink Ribbon Belgio, è purtroppo diffusa l’idea che il tumore mammario colpisca solo le donne di mezza età. Per questo motivo, le giovani e le adolescenti non si preoccupano troppo dell’esame del seno. E invece dovrebbero, perché, anche se fortunatamente la percentuale è piccola, quasi il 5% delle diagnosi riguarda donne giovani. D’altra parte, circa il 90% delle diagnosi deriva dall’autopalpazione.

Così, approfittando del mese internazionale per la consapevolezza del cancro al seno, l’organizzazione no-profit ha dedicato la sua attenzione alle under-40, proponendo tecniche tratte dai metodi di mixaggio dei DJ. Si è scoperto infatti che le abilità di scratching richieste ai DJ per mixare la musica sui deck di vinile sono – diciamo così – identiche ai movimenti delle mani essenziali per l’autoesame del seno. La campagna #MixForBoobs, creata in collaborazione con l’agenzia di comunicazione sociale Ogilvy Social.Lab introduce una tecnica consistente in quattro movimenti utili per l’autoesame: il “Rewind”, lo “Spin Forward”, il “Baby Scratch” e lo “Spindle Pinch”. I gesti delle mani comprendono movimenti a spirale intorno alla mammella, movimenti ad allontanarsi dal capezzolo, movimenti verticali sulla mammella per controllare la presenza di noduli, e la spremitura del capezzolo per assicurarsi che non esca liquido. Con la consulenza degli esperti medici di Pink Ribbon Belgium, il team ha anche progettato degli album in vinile a forma di mammella, in due diverse tonalità di pelle, che le donne possono ascoltare per controllare a ritmo il proprio seno.