Skip to main content

Dagli insulinomi indizi per nuovi farmaci antidiabetici

By 13 Ottobre 2017Maggio 18th, 2021No Comments
News

L’analisi delle caratteristiche genetiche di una forma di adenoma del pancreas, l’insulinoma, potrebbe dar vita a nuove ipotesi di trattamento per il diabete. Uno studio pubblicato su “Nature Communications” ha infatti individuato la “ricetta genetica” responsabile dell’elevata proliferazione delle cellule beta riscontrata in questa forma tumorale.

Il team di ricerca guidato da Andrew Stewart, direttore del Diabetes, Obesity, and Metabolism Institute dell’Icahn School of Medicine di New York, ha effettuato vari test, tra cui analisi del genoma e sequenziamento dell’RNA, su campioni di tessuto provenienti da 38 insulinomi, una forma rara di tumore benigno del pancreas che si associa a un’iperproduzione di insulina. Da questi hanno ottenuto delle rappresentazioni molecolari delle cellule beta tumorali e non tumorali, dal cui confronto è stato possibile isolare le differenze tra le due forme. Tali mutazioni, varianti e alterazioni genetiche rappresentano ora possibili target per nuove terapie per il diabete. “Per la prima volta disponiamo di un modello che spiega in termini molecolari il meccanismo di riproduzione delle cellule beta”, spiega Stewart.

“Quando si pensa alla genomica dei tumori – ha poi concluso – si pensa ai carcinomi della mammella, del colon, alla leucemia”. Infatti, quasi nessuno ritiene opportuno fare questo tipo di analisi su forme tumorali come gli insulinomi, non pericolosi per la vita del paziente. “La vera innovazione qui sta nell’aver considerato tumori benigni che non metastatizzano o causano grossi danni, ma che presentano caratteristiche genomiche tali da favorire la proliferazione delle cellule beta”.

Fabio Ambrosino

▼ Wang H, Bender A, Wang P, et al. Insights into beta cell regeneration for diabetes via integration of molecular landscapes in human insulinomas. Nature Communications 2017; 8: 767