Skip to main content

Aspirina: pro e contra della prevenzione oncologica

By 5 Ottobre 2012Maggio 12th, 2021No Comments
NewsTemi

A Vienna (ESMO 2012) si è discusso di nuovo su di un argomento ormai classico: la possibile funzione preventiva dell’aspirina nei confronti di alcune patologie oncologiche. Una mole crescente di prove sembra dimostrare che l’assunzione di aspirina riduce le possibilità di contrarre il carcinoma colorettale e probabilmente altre neoplasie, ma c’è dibattito sul fatto che le prove siano sufficienti o meno per indurre a prescriverla a milioni di persone.
In una delle sei sessioni controversiali dell’ESMO, Robert Benamouzig (Department of Gastroenterology, Avicenne Hospital, Bobigny) si è espresso a favore: l’efficacia di aspirina nella prevenzione del cancro del colonretto sarebbe ormai assodata grazie a vent’anni di ricerche. Nel 2010, è stato pubblicato il follow-up a vent’anni appunto di cinque studi randomizzati che hanno dimostrato l’effetto dell’aspirina sul tumore colorettale in termini d’incidenza e mortalità. Lo studio ha riguardato più di 14.000 pazienti che, assumendo aspirina ogni giorno, hanno visto ridotto il loro rischio di carcinoma colorettale del 24% e di morte correlata del 35%. In questi studi, la riduzione del rischio è stata un effetto collaterale della terapia con aspirina.
Contro, invece, si è dichiarato Nadir Arber (Integrated Cancer Prevention,Tel Aviv Sourasky Medical Center), secondo il quale gli antiinfiammatori non steroidei, ed in particolare l’aspirina, sono assai promettenti nella prevenzione della neoplasia colorettale, ma il loro ruolo non sarebbe ancora provato incontrovertibilmente.
Ciò nonostante, popolazioni specifiche possono trarre beneficio dall’assunzione: persone con familiarità di poliposi adenomatosa, o con tumore colorettale o adenoma. Secondo Arber, nelprossimo futuro, grazie alla profilatura genetica dei soggetti, saremo in grado di identificare chi è esposto a maggiori rischi di contrarre questa patologia e quindi potrebbe trarre maggiori vantaggi dall’assunzione di aspirina.
Inoltre, Arber sottolinea ancora l’importanza degli effetti collaterali dell’assunzione, come il sanguinamento intestinale e l’emorragia intracranica.