Skip to main content

Tumore della cervice uterina: la chemioterapia aggiuntiva non aumenta la sopravvivenza

Vasilica Manole By 4 Giugno 2021Aprile 26th, 2022No Comments
Congressi

La chemioterapia aggiuntiva somministrata dopo il trattamento standard di chemio-radioterapia non migliora la sopravvivenza nelle donne con tumore della cervice uterina localmente avanzato ed è associata a ulteriori effetti collaterali, secondo i risultati di uno studio randomizzato internazionale di fase III presentato all’ASCO21. Questi risultati “comporteranno un cambiamento immediato nella pratica clinica, dal momento che dimostrano che questo approccio non dovrebbe essere usato per trattare il tumore della cervice localmente avanzato. Ora possiamo risparmiare ai nostri pazienti sia gli effetti collaterali sia gli effetti tossici derivanti dalla chemioterapia aggiuntiva”, ha affermato Lori J. Pierce, presidente ASCO.

Lo studio ha arruolato 919 pazienti con tumore della cervice uterina localmente avanzato, randomizzate a ricevere chemio-radioterapia standard a base di cisplatino con o senza chemioterapia aggiuntiva con carboplatino e paclitaxel. L’endpoint primario era la sopravvivenza globale a 5 anni. Inoltre, i ricercatori hanno esaminato la sopravvivenza libera da progressione, gli effetti collaterali avversi e i modelli di recidiva della malattia. Gli autori hanno dimostrato che, dopo cinque anni, la sopravvivenza globale era comparabile per entrambi i gruppi (72% contro 71% rispettivamente, per quelli che ricevevano la chemioterapia adiuvante e quelli che ricevevano cure standard). Inoltre, a 5 anni la malattia non era progredita per il 63% dei pazienti che hanno ricevuto il trattamento aggiuntivo, rispetto al 61% che non lo ha fatto. I modelli di recidiva della malattia erano simili nei due gruppi di trattamento. Eventi avversi gravi sono stati riscontrati da più pazienti fino a un anno dopo la randomizzazione: l’81% dei pazienti nel gruppo chemioterapico adiuvante rispetto al 62% nel gruppo di trattamento standard.

“Lo studio conferma che la sola chemio-radioterapia è attualmente il nostro miglior trattamento possibile per le donne con tumore della cervice uterina localmente avanzato. Non solo non c’è alcun beneficio con la chemioterapia adiuvante, ma aumentano anche gli effetti collaterali gravi”, ha affermato l’autore principale dello studio, Linda R. Mileshkin, oncologa presso il Peter McCallum Cancer Center di Melbourne.