Skip to main content

Pembrolizumab nel NSCLC early-stage: i dati del KEYNOTE-671

A cura di David Frati By 3 Giugno 2023No Comments
Dai congressi

Nei pazienti con NSCLC early-stage resecabile l’aggiunta di pembrolizumab alla chemioterapia neoadiuvante e l’utilizzo del farmaco come terapia adiuvante dopo l’intervento chirurgico aumenta l’event-free survival (EFS). Lo dimostra il trial KEYNOTE-671, presentato durante il meeting annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO), in corso a Chicago.

Lo studio randomizzato in doppio cieco di fase 3 KEYNOTE-671 ha arruolato pazienti con NSCLC resecabile precedentemente non trattato di stadio da II a IIIB (N2). I pazienti sono stati assegnati a chemioterapia neoadiuvante a base di platino più pembrolizumab (397 pazienti) o a placebo (400 pazienti), seguita da pembrolizumab adiuvante o placebo dopo l’intervento chirurgico per un massimo di 13 cicli. Dopo un follow-up mediano di 25,2 mesi, l’EFS mediana non è stata raggiunta nel braccio pembrolizumab ed è stata di 17,0 mesi nel braccio placebo (HR 0,58, 95% CI [0,46, 0,72]; P<0,00001). I tassi di EFS a 2 anni erano rispettivamente del 62,4% e del 40,6%. “Rispetto alla sola chemioterapia neoadiuvante, l’aggiunta di pembrolizumab è associata non solo a un miglioramento significativo dell’EFS ma anche nella percentuale di risposta patologica maggiore (mPR) e di risposta patologica completa (pCR)”, spiega Heather Wakelee della Stanford University School of Medicine, coordinatrice del team internazionale di ricercatori autori dello studio. “L’entità del beneficio sembra essere maggiore nei pazienti con maggiore espressione di PD-L1 e in quelli con malattia in stadio più elevato. Sembra anche esserci un sostanziale beneficio nell’EFS con pembrolizumab nei pazienti con mutazioni EGFR, ma si trattava di una coorte molto piccola (33 pazienti), quindi il dato andrà verificato”.

“Si tratta di dati impressionanti e incoraggianti”, commenta Mark Awad del Dana-Farber Cancer Institute. “Abbiamo davvero molto bisogno di outcome migliori nei pazienti con carcinoma polmonare early-stage”.

BIBLIOGRAFIA – Wakelee HA et al. KEYNOTE-671: Randomized, double-blind, phase 3 study of pembrolizumab or placebo plus platinum-based chemotherapy followed by resection and pembrolizumab or placebo for early stage NSCLC. Abstract LBA100, ASCO 2023.