Skip to main content

Novità nel trattamento dell’adenocarcinoma gastrico

By 8 Settembre 2017Maggio 12th, 2021No Comments
CongressiTemi
Madrid

Nuove evidenze confermano la superiorità di una tripletta basata su docetaxel, rispetto al protocollo standard, nel trattamento dei pazienti con adenocarcinoma gastrico o della giunzione gastroesofagea resecabile. I risultati del trial di fase III FLOT4, che ha messo a confronto le due opzioni terapeutiche, sono stati presentati al Congresso Annuale dell’European Society for Medical Oncology (ESMO) in corso in questi giorni a Madrid.

Lo studio ha preso in considerazione 716 pazienti con adenocarcinoma gastrico o della giunzione gastroesofagea resecabile, i quali sono stati randomizzati per ricevere un trattamento peri-operativo con docetaxel, oxaliplatino e fluorouracile/leucovorina (FLOT) o, in alternativa, con epirubicina, cisplatino e fluorouracile per infusione (ECF). Dai dati è emersa una superiorità della tripletta FLOT in merito a tutti gli endpoint considerati, inclusi tasso di resezioni curative, sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza complessiva. L’effetto è inoltre risultato significativo su tutti i sottogruppi considerati, compresi quello dei pazienti anziani e degli adenocarcinomi con cellule a sigillo. In particolare, il trattamento FLOT ha dimostrato la maggiore efficacia nei tumori esofagei di tipo Siewert 1 (hazard ratio, HR, 0.60) e in quelli di Barrett (HR, 0.62), di piccole dimensioni (HR, 0.66) e con linfonodi negativi (HR, 0.64). “Queste analisi confermano la superiorità di FLOT, – ha commentato Salah-Eddin Al-Batran, responsabile della ricerca presso l’Institute of Clinical Cancer Research dell’UCT-University Cancer Centre di Francoforte (Germania)– ponendo questa strategia come nuovo standard terapeutico per i pazienti con adenocarcinoma gastrico o della giunzione gastroesafagea resecabile”.

Michel Ducreux, direttore della Gastrointestinal Oncology Unit del Gustave Roussy Cancer Campus di Villejuif (Francia), ha così commentato i risultati dello studio: “La tripletta FLOT, testata in questo trial, è stata sviluppata proprio per ottenere risultati migliori di quelli dell’ECF. Essa riduce la tossicità, sostituendo l’epirubicina con basse dosi di docetaxel e utilizzando l’oxaliplatino al posto del cisplatino, ed è somministrabile con un’infusione di 24 ore ogni due settimane, più agevole rispetto a quella continua del protocollo ECF”. Secondo Ducreux sarà ora interessante analizzare l’efficacia della tripletta FLOT in combinazione con terapie target o con inibitori del checkpoint immunitario e, in aggiunta, verificarne gli effetti differenziali nei 4 sottotipi molecolari del carcinoma gastrico”.

Fabio Ambrosino

▼ Al-Batran SE. Docetaxel, oxaliplatin, and fluorouracil/leucovorin (FLOT) for resectable esophagogastric cancer: updated results from multicenter, randomized phase 3 FLOT4-AIO trial (German Gastric Group at AIO).Abstract LBA27_PR. ESMO 2017.