Skip to main content

Melanoma avanzato e terapia cellulare: risultati straordinari di PFS

A cura di Maria Nardoianni By 10 Settembre 2022Ottobre 16th, 2023No Comments
Congressi

In base ai risultati rivoluzionari presentati al Congresso ESMO 2022 di Parigi dallo studio di fase 3 M14TIL, una nuova strategia di trattamento con terapia cellulare migliora significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto all’immunoterapia standard nei pazienti con melanoma avanzato.

“Per la prima volta uno studio randomizzato controllato mostra che la terapia cellulare può essere efficace e benefica per i pazienti con tumori solidi”, spiega l’autore John Haanen, Netherlands Cancer Institute, Amsterdam. “Per i pazienti con melanoma, assistiamo a una riduzione del 50% della possibilità di progressione della malattia o di morte a causa della malattia, il che significa cambiare assolutamente la pratica. Questa è la prima volta che un approccio basato su TIL viene confrontato direttamente con il trattamento standard di cura, in questo caso ipilimumab. Siamo quindi in grado di posizionare il trattamento TIL molto meglio nel panorama gestionale per i pazienti con melanoma metastatico”.

Lo studio multicentrico di fase 3 M14TIL ha randomizzato 168 pazienti con melanoma in stadio IIIC-IV non resecabile all’immunoterapia con l’anticorpo anti-CTLA-4 ipilimumab o al trattamento con TIL; la maggior parte dei pazienti aveva fallito un precedente trattamento anti-PD-1. L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione (PFS). Gli endpoint secondari erano (complessivo e completo) RR, sopravvivenza globale (OS) e sicurezza. Con un follow-up mediano di 33,0 mesi, la PFS mediana è stata di 7,2 mesi per TIL (IC 95%, 4,2-13,1), rispetto a 3,1 mesi (IC 95%, 3,0-4,3) per ipilimumab (HR 0,50 [IC 95%, 0,35-0,72]; P<0,001). Il RR complessivo è stato del 49% (IC 95%, 38-60%) per TIL e del 21% (IC 95%, 13-32%) per ipilimumab, con il 20% (IC 95%, 12-30%) e Il 7% (IC 95%, 3-15%) di risposte complete, rispettivamente. L'OS mediana per TIL è stata di 25,8 mesi (IC 95%, 18,2 - non raggiunto) e 18,9 mesi (IC 95%, 13,8-32,6) per ipilimumab (HR: 0,83 [IC 95%, 0,54 - 1,27]; P=0,39). Eventi avversi correlati al trattamento di grado ≥3 si sono verificati in tutti i pazienti con TIL e nel 57% dei pazienti con ipilimumab. Dal momento che la stragrande maggioranza dei pazienti con melanoma avanzato è refrattaria all’anti-PD-1, il trattamento con TIL si presenta come una nuova promettente opzione terapeutica per loro e per quelli con un’ampia gamma di tumori solidi metastatici.