Skip to main content

JAVELIN Renal 101: dati positivi sulla PFS per avelumab+axitinib

By 21 Ottobre 2018Maggio 12th, 2021No Comments
CongressiTemi

La combinazione avelumab+axitinib migliora significativamente la progression free survival (PFS) nei pazienti con carcinoma a cellule renali naïf al trattamento. Lo dimostra lo studio JAVELIN Renal 101, presentato al meeting annuale dell’European Society of Medical Oncology (ESMO), in corso a Monaco di Baviera.

I ricercatori coordinati da Robert Motzer del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York hanno randomizzato 886 pazienti ad avelumab 10 mg/kg endovena ogni 2 settimane in combinazione con axitinib per bocca 5 mg/die (n=442) o sunitinib per bocca 50 mg/die per quattro settimane seguite da due di stop (n=444). La PFS media è risultata di 13,8 mesi nel gruppo avelumab+axitinib e di 7,2 mesi nel gruppo sunitinib per i pazienti con tumori PD-L1 positivi, mentre la PFS negli altri pazienti è risultata di 13,8 mesi nel gruppo avelumab+axitinib e di 8,4 mesi nel gruppo sunitinib.

Commenta Motzer: “Lo studio JAVELIN Renal 101 è il primo studio di Fase III su una combinazione tra un inibitore del checkpoint immunitario e un TKI vs una monoterapia con TKI nel carcinoma renale. I dati supportano questo nuovo approccio terapeutico nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato, un tumore finora a prognosi particolarmente severo, con meno del 10% dei pazienti vivi a 5 anni dalla diagnosi”.

David Frati

▼ Abstract LBA6_PR ‘JAVELIN Renal 101: A randomized, phase III study of avelumab + axitinib vs sunitinib as first-line treatment of advanced renal cell carcinoma (aRCC). ESMO 2018.