Skip to main content

Dati clinici, prevenzione e sostenibilità

A cura di Luciano De Fiore By 9 Settembre 2022No Comments
Congressi

È ormai una costante: nelle grandi assisi mediche internazionali l’attenzione non si appunta più soltanto sui nuovi dati dei trial clinici. Non fa eccezione l’ESMO iniziato oggi a Parigi, dove fin dalla conferenza stampa d’apertura appare chiaro che il titolo scelto per il congresso – Capire la malattia per fornire cure migliori ai pazienti oncologici – indica con chiarezza che è la sostenibilità al centro. Ogni terapia, anche e soprattutto le più innovative, deve poter essere fruita da ogni paziente ed un organismo internazionale come l’ESMO si è data il compito di favorire al massimo il raggiungimento di questo obiettivo.

Un mantra ripetuto con incisività e grazia tutta femminile dalla Presidente della Società europea, Solange Peters, così come da Fabrice André, Co-Chair del congresso. Sostenibilità, infatti, non è questione solo quantitativa, economica: ha a che fare anche con la qualità. Anzi, bisogna che la prevenzione – testata d’angolo di ogni progetto oncologico sostenibile – vada a braccetto con la precisione, insiste Rosa Giuliani (Clatterbridge Cancer Centre, Liverpool). Prevenzione che ha inoltre, ovviamente, molto a che fare anche con l’ambiente: Charles Swanton (The Francis Crick Institute, London) si limita a ricordare come l’inquinamento sia tra le maggiori cause dirette dei tumori polmonari: qui a Parigi verranno portate nuove evidenze.

È chiaro allora come sostenibilità, prevenzione, precisione e ambiente si implichino vicendevolmente e che tutti i dati clinici che saranno presentati in questi giorni a Parigi hanno senso se proiettati su quello sfondo. Secondo Antonio Passaro (IEO, Milano), una stampa consapevole, sia in ambito laico sia specialistico, ha il compito fondamentale di sottolineare sempre con chiarezza questo nesso profondo tra clinica e sostenibilità: la nuova oncologia sarà tale solo se, oltre che nelle terapie, potrà vantare progressi anche in termini di equità di accesso alle cure.