Skip to main content

Cellule tumorali circolanti, biomarker di risposta e sopravvivenza

By 10 Dicembre 2020Maggio 26th, 2021No Comments
CongressiTemi

Le dinamiche delle cellule tumorali circolanti sono associate alla sopravvivenza globale nei pazienti con carcinoma mammario metastatico. Lo rivela una meta-analisi presentata al San Antonio Breast Cancer Symposium 2020.

“Con il numero crescente di opzioni di trattamento disponibili per i pazienti con carcinoma mammario metastatico, essere in grado di prevedere e monitorare rapidamente le risposte al trattamento sarà fondamentale per aiutare le decisioni terapeutiche”, spiega Wolfgang J. Janni dello Ulm University Hospital, primo autore dello studio. Le risposte al trattamento del carcinoma mammario sono tipicamente monitorate dall’imaging convenzionale, ma questo metodo richiede tempo – circa tre mesi, a seconda del sottotipo – prima che i cambiamenti possano essere rilevati. Eravamo interessati a determinare se la risposta al trattamento e la prognosi potessero essere previste in anticipo utilizzando un semplice esame del sangue”.

I ricercatori coordinati da Janni hanno dunque analizzato i set di dati aggregati da studi pubblicati e sottoposti a peer review su 4.079 pazienti con carcinoma mammario metastatico, tutti sottoposti a misurazione delle cellule tumorali circolanti (CTC) di base e al follow-up utilizzando il test CellSearch. Il tempo mediano dal basale al follow-up è stato di 29 giorni. I cambiamenti nei livelli di CTC tra il basale e il follow-up sono stati analizzati per determinare se fossero associati alla sopravvivenza globale. Dei 2.961 pazienti che erano CTC positivi al basale, 1.855 sono rimasti positivi a CTC dopo l’inizio del trattamento (positivo / positivo) e 1.106 i pazienti sono passati a CTC-negativi (positivi / negativi). Dei 1.118 pazienti che erano CTC negativi al basale, 813 sono rimasti CTC negativi (negativi / negativi), mentre 305 erano diventati CTC positivi (negativi / positivi). La overall survival mediana è stata massima per i pazienti negativi / negativi (47 mesi), seguiti da positivi / negativi (32,2 mesi), negativi / positivi (29,67 mesi) e positivi / positivi (17,87 mesi). Rispetto ai pazienti negativi / negativi, il rischio di morte era maggiore del 215% per coloro che erano positivi / positivi, del 74% maggiore per quelli negativi / positivi e del 52% maggiore per quelli positivi / negativi.
“Questi dati indicano che le dinamiche CTC possono prevedere la traiettoria della malattia poco più di quattro settimane dopo l’inizio del trattamento”, ha spiegato Janni. “Ciò fornisce un vantaggio rispetto ai metodi di imaging convenzionali e può aiutare i medici a determinare molto presto se un trattamento debba essere continuato. È anche molto rassicurante che le dinamiche CTC abbiano predetto i risultati per tutti i sottotipi di tumore della mammella”.

David Frati

Janni WJ et al. Clinical utility of repeated circulating tumor cell (CTC) enumeration as early treatment monitoring tool in metastatic breast cancer (MBC) -a global pooled analysis with individual patient data. SABCS 2020, Abstract GS4-08.