Skip to main content

Carcinoma prostatico, una dieta ricca di vegetali è associata a un minor rischio di progressione e recidiva

A cura di Luciano De Fiore By 13 Febbraio 2023No Comments
Dai congressi

Tra i malati di tumore alla prostata che si nutrono con una dieta ricca di vegetali si registra un rischio di progressione di malattia inferiore del 52%, e un rischio di recidiva inferiore del 53%, rispetto ai malati con una dieta povera di vegetali. Questi i risultati di uno studio osservazionale presentato in questi giorni all’ASCO Genitourinary Cancers Symposium (ASCO GU) di San Francisco.

Decenni di studi osservazionali hanno già appurato che alimenti come i pomodori sembrano ridurre l’incidenza e la mortalità del carcinoma prostatico. Tuttavia, è meno nota la relazione tra modelli alimentari a base vegetale e la sopravvivenza al cancro della prostata, motivo per cui nel 2004 è stato avviato il sotto-studio CaPSURE Diet and Lifestyle (CDL), i cui partecipanti hanno compilato un questionario sulle loro abitudini alimentari e sul loro stile di vita.

Tutti i partecipanti allo studio avevano un tumore alla prostata di grado intermedio-precoce. I partecipanti hanno compilato questionari riguardo la quantità e la frequenza nel consumo di circa 140 alimenti e bevande. Gli indici della dieta (un indice globale a base vegetale e un indice salutistico, sempre a base vegetale) sono stati valutati in base a una somma composita di valori positivi o negativi assegnati ai gruppi di alimenti a base vegetale o animale presenti nella dieta. Naturalmente, i ricercatori hanno considerato anche numerosi parametri, come l’età alla diagnosi, l’apporto energetico totale, la razza, lo stato di fumatore, il punteggio di rischio Gleason alla diagnosi, il livello di PSA alla diagnosi e le terapie. Sono stati presi in considerazione anche altri fattori in grado di influenzare le valutazioni, come la storia familiare di cancro alla prostata, il reddito, il livello di istruzione, l’altezza, l’indice di massa corporea, il consumo di alcol, l’uso di multivitaminici, di integratori di calcio e di integratori di selenio.

Venendo ai risultati principali, dei 2.038 coinvolti nello studio, in 204 (10%) la malattia è progredita nel corso di una media di 7,4 anni di osservazione. I partecipanti che avevano riportato diete ricche di vegetali presentavano un rischio di progressione della malattia inferiore del 52% e un rischio di recidiva inferiore del 53% rispetto a quelli le cui diete includevano minori quantità di vegetali. Quest’associazione non variava in base all’età dei partecipanti, al ritmo di camminata, al grado Gleason alla diagnosi o allo stadio del cancro alla diagnosi.

A questo punto è chiaro che non tutti i regimi alimentari sono uguali per un malato di tumore prostatico. «Speriamo che questi risultati guidino le persone a rischio a fare scelte migliori e più salutari a tavola», ha dichiarato Vivian Liu, coordinatrice della ricerca clinica dell’Osher Center for Integrative Health dell’Università della California San Francisco e autore principale dello studio. «Sappiamo che le diete che includono verdura, frutta, legumi e cereali integrali sono associate a numerosi benefici per la salute, tra cui una riduzione del diabete, delle malattie cardiovascolari e della mortalità generale. Ora possiamo aggiungere all’elenco anche i benefici nella riduzione della progressione del cancro alla prostata».

Fonte: 2023 ASCO GENITOURINARY CANCERS SYMPOSIUM, abstract # 392