Skip to main content

Biomarker tumorali, tassi di inappropriatezza shock

By 5 Settembre 2017Maggio 12th, 2021No Comments
Dai congressiTemi

Quando si analizza l’utilizzo di biomarker tumorali in assistenza primaria e secondaria si riscontra un tasso di inappropriatezza prescrittiva impressionante: basti pensare che questo tool diagnostico si mostra utile per la diagnosi solo in un misero 2% dei casi. La denuncia arriva dal Congresso annuale dell’European Society of Medical Oncology (ESMO), in corso a Madrid.

I ricercatori gallesi del South West Wales Cancer Centre coordinati da Craig Barrington hanno preso in esame le richieste di analisi di più marker tumorali arrivate da clinici in assistenza primaria o secondaria nell’arco di sei mesi presso l’Abertawe Bro Morgannwg University Health Board. Si è verificato poi quanti dei pazienti testati con questi biomarker ricevessero in seguito una diagnosi di tumore. È emerso che su 1747 richieste si sono registrate 297 diagnosi di tumore (17%), ma verificando in quante di queste diagnosi avessero avuto un ruolo i biomarker si è scoperto che ciò era avvenuto soltanto in 35 casi (2%). Un’ulteriore analisi dei dati ha mostrato come delle 985 richieste giunte dall’assistenza primaria solo 50 (5%) hanno portato a una diagnosi di tumore, ma in solo 5 i biomarker sono stati utili (0,5%). Dalle 762 richieste giunte invece dall’assistenza secondaria una diagnosi di tumore si è avuta in 244 pazienti (32%), con un contributo dei biomarker solo in 30 casi (4%).

“L’utilizzo inappropriato dei biomarker tumorali per la diagnosi causa ansia nei pazienti, aumenta esponenzialmente i costi e ritarda la diagnosi corretta”, spiega Barrington. “Non ha senso che i clinici in assistenza primaria o secondaria prescrivano ai pazienti con sintomi che fanno pensare a un tumore una batteria di biomarker tumorali. Questo tipo di esami hanno un altro utilizzo, in questo modo non portano a diagnosi di tumore. C’è assoluto e urgente bisogno di educare e informare i colleghi che lavorano in assistenza primaria o secondaria per un corretto utilizzo dei biomarker tumorali”.

David Frati

▼ Barrington C. The role of tumour marker testing in earlier diagnosis of cancer. Abstract 1410P_PR, ESMO 2017.