Skip to main content

ASCO 2016: Atezolizumab, benefici di SO nel mUC

By 7 Giugno 2016Aprile 7th, 2021No Comments
Dai congressi

Il trattamento con atezolizumab, anticorpo monoclonale anti-PD-L1, si è dimostrato efficace in pazienti con carcinoma avanzato della vescica non idonei o non trattati con protocollo standard a base di cisplatino.

Il trial di fase II non randomizzato, denominato IMvigor210, ha evidenziato che atezolizumab è in grado di ridurre la massa tumorale in circa un quarto dei pazienti. Inoltre, la sopravvivenza mediana raggiunta è di 14,8 mesi.
Generalmente, in questo setting di pazienti, si raggiunge una sopravvivenza di 9 o 10 mesi con trattamento a base di carboplatino.

“Più della metà dei pazienti con cancro avanzato alla vescica è troppo fragile per ricevere la terapia con cisplatino, l’unico trattamento sinora disponibile per aumentare il tasso di sopravvivenza. Non esiste realmente una terapia standard per questo tipo di pazienti”, spiega Arjun Vasant Balar, MD, professore di medicina allo New York University Langone Medical Center e direttore del Genitourinary Medical Oncology al NYU Perlmutter Cancer, primo autore dello studio presentato all’ASCO 2016. “ Ora siamo incoraggiati a svolgere ulteriori ricerche perché l’immunoterapia con atezolizumab potrebbe aiutarci nel rispondere a un bisogno ancora insoddisfatto”, continua Balar.
Lo studio, a braccio singolo di fase II, ha preso in esame pazienti con carcinoma uroteliale, il più comune istologicamente negli Stati Uniti, localmente avanzato o metastatico. Il trial ha incluso due gruppi di pazienti: alcuni trattati con atezolizumab in seconda linea, altri in prima linea. I ricercatori hanno riportato per primi i risultati ottenuti nel gruppo trattato con atezolizumab in seconda linea. Sulla base di questi dati la FDA ha concesso l’approvazione accelerata di atezolizumab dopo precedente trattamento a base di platino.

In un follow-up mediano di 14,4 mesi, 28 dei 119 pazienti (24%) rispondevano al trattamento. L’overall survival (OS) mediana era di 14,8 mesi: il tempo di risposta più lungo era superiore a 18 mesi con 21 delle 28 risposte (75%) ancora in atto al momento dell’analisi dei dati.
Complessivamente, atezolizumab risultava ben tollerato e solo il 10-15% di pazienti presentava effetti collaterali severi. Le tossicità più comuni erano: ipotiroidismo, alterazioni della funzionalità epatica, rash e diarrea. “La maggior parte dei nostri pazienti ha sperimentato pochi o nessun effetto collaterale durante il trattamento con atezolizumab e solo il 6% di essi ha dovuto interrompere il trattamento a causa della tossicità del farmaco. Un dato in netto contrasto con il 20% di interruzione di trattamento nelle chemioterapie a base di carboplatino. L’immunoterapia sembra quindi essere più tollerata rispetto alla chemioterapia, e questa evidenza è ancora più rilevante per i pazienti anziani”, ha spiegato Balar.

Fonte: Balar AV, Galsky MD, Loriot Y, et al. Atezolizumab as first-line therapy in cisplatin-ineligible locally advanced/metastatic urothelial carcinoma: primary analysis of IMvigor210 cohort 1. J Clin Oncol. 2016; 34 (suppl; abstr LBA4500).